Nicola Piovani

Riano Festival - Teatro nelle cave - 2011

Ci sono alcune esperienze che ti lasciano senza parole, come se ti trovassi vittima di un incantesimo. Ecco, questo concerto è stata a mio avviso una di quelle esperienze. Il concerto in Quintetto di Nicola Piovani, si è tenuto nella splendida cornice delle cave di tufo di Riano, in occasione del festival “Teatro nelle Cave”.

Penso che a parole sia veramente difficile descrivere quello che si prova nel trovarsi immersi in un luogo così pittoresco, circondati da musiche evocative, che abbiamo già ascoltato al cinema, a teatro o alla televisione.

Un’atmosfera davvero toccante, che riesce a combinare perfettamente l’animo umano in una dimensione di arte e sogno. Nella realizzazione di questo incantesimo, gli artisti si sono avvalsi dei loro strumenti (magici): Nicola Piovani ovviamente al pianoforte, Andrea Avena al contrabbasso, Marina Cesari al sax e clarinetto, Pasquale Filastò, cello e chitarra, Cristian Marini, alla batteria e fisarmonica.

Qualcosa di più ci può essere raccontato dallo stesso maestro Nicola Piovani, che dice: “L’organico del nostro quintetto mescola suoni di strumenti classici e di strumenti moderni e anche popolari: il violoncello, la batteria, la chitarra elettrica, la fisarmonica oltre al pianoforte e permette di avventurarsi in una indefinibilità linguistica, in un classico meticcio, che mi ha sempre affascinato. Navigare attraverso gli stilemi mi attrae, e finché ci sarà un pubblico disposto ad ascoltare queste musiche difficili da catalogare – si chiamino contaminate, trasversali, bastarde o come si vuole – finché insomma me le faranno suonare, io lo farò con grande gioia e impegno”.

Certo non le parole, ma nemmeno le immagini possono sostituirsi a un'esperienza del genere, ma questo piccolo servizio fotografico vuole solamente rendere omaggio al maestro premio Oscar Nicola Piovani che, durante il suo concerto, mi ha veramente fatto pensare "La Vita è Bella".

Per altri servizi di concerti potete dare un'occhiata qui!

Whatsapp
error: