Bristol – to let

To let

Bristol, 2012

L'emergenza abitativa di Bristol. Numerose houseboats diventano valide alternative ai costi proibitivi degli edifici del centro, lasciandoli vuoti o in ricerca di affittuari. Ciononostante la città sembra non accorgersi del problema e prosegue con le sue solite abitudini.

Bristol, in Inghilterra, è una delle città più popolose del paese, secondo i dati si tratta di una delle area urbane più grandi del paese. Ed effettivamente non ci vuole molto a rendersene conto: la città è estremamente viva, attiva, il movimento ne è parte integrante. Ad uno sguardo più attento, però, non sfuggirà un dettaglio apertamente in contrasto con questa vitalità: moltissimi edifici, di quelli che sembrano usciti dai film inglesi, con mattoncini rossi e grandi finestre vittoriane, sono vuoti. Porte chiuse, finestre coperte, tende tirate. Una città così viva per le strade, al tempo stesso è piena di case senza anima. Dove abita questa gente? Bristol, per gli affitti, è molto cara. Una dimora tipica inglese a quanto pare è, paradossalmente, fuori budget per gli inglesi stessi.

Molte persone però non hanno voluto rinunciare alla gioia di vivere nella propria città, ed ecco che, spostando lo sguardo, ritroviamo la stessa vita in un luogo un po’ più insolito. Il fiume. Sì, perché molte barche si sono trasformate in case. Ed ecco che quello che di solito siamo abituati a vedere lungo le strade, ora lo vediamo lungo il fiume. A pensarci, oltre che una soluzione a quanto pare più economica, offre molti vantaggi. Niente traffico dalla finestra che dà sulla strada, giusto qualche canoa o qualche barchetta ogni tanto. Bristol è viva, in strada e sull’acqua.

Case cercano ospiti
Case cercano ospiti
Il trasloco a Bristol
Bristol, il traffico
Case cercano ospiti
Case cercano ospiti
Bristol, a casa
In cortile
Bristol - il cortile
Bristol, il parcheggio
Case cercano ospiti
Il fiume
Bristol, a casa
Case cercano ospiti

Bristol non è l'unica città che ha risolto in maniera originale l'emergenza abitativa. Molti, molti anni prima, anche qui hanno trovato una soluzione molto innovativa!

Whatsapp
error: